Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

14 Arriva il cucciolo

Un cucciolo porta in famiglia gioia e allegria: per i bambini sarà un instancabile compagno di giochi, per gli adulti un amico fedele e comprensivo. Perché la convivenza sia serena, è fondamentale conoscere e soddisfare le sue necessità ed essere consapevoli delle nostre responsabilità. I primi mesi di vita saranno i più delicati: ciò che il cane farà, vedrà fare e verrà fatto nei suoi confronti detterà le regole del suo comportamento e delineerà il suo carattere.

Il corredo. 
Non serve molto: collare (o pettorina) e guinzaglio per le passeggiate quotidiane (sceglieteli valutando bene taglia e temperamento), una ciotola per l’acqua e una per la pappa (meglio d’acciaio o ceramica per evitare che le distrugga giocando), spazzole e/o pettini per la tolettatura. La cuccia dovrà essere confortevole e resistente e, anche all’interno della casa, posta in un angolo tranquillo, dove l’animale possa sentirsi sicuro e rilassato. Se invece dorme all’esterno, la cuccia verrà posizionata in un luogo riparato, che la mantenga calda d’inverno e fresca d’estate. Brandine, cuscini e copertine sono optional sempre molto graditi. Non devono mancare i giochi perché il cucciolo, proprio come un bambino, giocando conosce e impara. In commercio ne troverete di tanti tipi e tutti possono andare bene, purché non siano troppo piccoli per la sua bocca (potrebbe inghiottirli) e non si rompano facilmente. Ricordate che è importante che il cane giochi con voi tutti i giorni, anche se per poco tempo. L’osso di bufalo, l’orecchio di maiale affumicato e tutti i giochi masticabili fatti con materiali naturali sono indispensabili per il cucciolo, che deve cambiare i denti da latte con quelli permanenti, cosa che crea un po’ di fastidio.

La salute. 
Le malattie infettive del cane sono spesso mortali e la vaccinazione è l’unico mezzo di difesa. Ci si recherà quindi quanto prima dal veterinario di fiducia, che provvederà non solo a vaccinare il cane (ogni anno sarà poi necessario fare i richiami), ma anche a sverminarlo. Per rintracciarlo nel caso lo perdiate – ma anche perché la legge lo impone – il veterinario provvederà poi a inserire sotto pelle un microchip.

Il cibo.
Per un’alimentazione corretta, è meglio evitare le pappe fatte in casa o gli avanzi di cucina e preferire un apposito prodotto già pronto.
In commercio si trovano alimenti bilanciati e adeguati alle diverse età e condizioni di vita del cane: per orientarvi seguite i consigli che potrà fornirvi il veterinario. Ricordiamo che il cucciolo deve mangiare tre volte al giorno (con il tempo i pasti potranno diminuire) e sempre dopo di voi (perché riconosca la vostra autorità e impari a non elemosinare dalla tavola).