Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

15 Le erbacee perenni

Le erbacee perenni sono il segreto del giardiniere: facili da coltivare, si prestano ai più differenti utilizzi e offrono un’infinita possibilità di scelta tra diverse colorazioni e forma delle foglie, dimensioni e altezze, tonalità, aspetto e tempi delle fioriture.
Tanti colori sotto il sole...
Prediligono posizioni in pieno sole le rustiche Achillea (i cui steli fioriti si possono facilmente essiccare, come quelle di Eryngium), i bei cuscini primaverili di Alyssum (gialli) e di Aubretia (blu, rosa, rossa o viola), i sempreverdi Cerastium (con fitti fiori bianchi da aprile a giugno), i Chrysanthemum (fioriture dall’estate all’inverno). E poi le tante varietà di Delphinium, Dianthus (i comuni garofani), Erigeron (anche due fioriture all’anno), Geranium. Tra i primi a fiorire gli Helleborus (detti per l’appunto “rose di Natale”) e i bianchi Iberis, il cui fogliame rimane decorativo per tutto l’inverno, così come quello dei Penstemon. Ancora, gli sgargianti Papaver, le coloratissime Potentilla, le sfacciate Salvia e le incantevoli Veronica.
...o all’ombra...
Sono adatti ad angoli ombrosi o semiombrosi i graziosi Anemone, le nobili Aquilegia, i generosi Aster e le variopinte Astilbe. E ancora: Campanula, Coreopsis (con variazioni in giallo e arancione), le aristocratiche Dicentra (chiamate “cuor di Maria”), Echinacea, Genziana (in fiore dalla primavera all’autunno a seconda della varietà), i vistosi Lupinus, Paeonia erbacee, le timide Primula. Tra i generi con fogliame decorativo segnaliamo Bergenia (le cui foglie carnose in autunno divengono rossastre e perdurano per tutto inverno), Hemerocallis, Hosta, Kniphofia.